Da Giugno un codice identificativo per pubblicizzare le case vacanza

15 gennaio 2020

 

 

Una BATTAGLIA storica della nostra associazione ha raggiunto l’obiettivo!!!


Su nostra proposta di qualche anno fa la Giunta regionale della Puglia ha approvato il documento di attuazione alle procedure amministrative per l’istituzione e la gestione del Registro regionale delle strutture ricettive non alberghiere previsto da una legge regionale del 2018. Nel contempo è stato stabilito l’obbligo di indicare e di pubblicare il Codice identificativo di struttura (Cis) per ogni singola unità ricettiva pubblicizzata, a decorrere dal 1° giugno 2020. La Puglia è la prima regione d’Italia ad adottare questo tipo di provvedimenti.
Le strutture ricettive non alberghiere, come appartamenti o ville da affittare temporaneamente a turisti, dovranno essere inserite in un apposito registro regionale per ricevere il codice identificativo, una sorta di ‘bollino’ di garanzia, per risultare in regola con la pubblicità e non essere abusivi. Un provvedimento che se da una parte va a difesa di albergatori e affittuari dal altro garantisce ai turisti di non essere finiti in una possibile truffa, pensate a quanti (come da cronaca nera), hanno affittato via internet per poi scoprire che la struttura non era corrispondente a quanto scritto in un annuncio pubblicitario o, peggio, non era in affitto. Assohotel Puglia

 

 

http://www.pugliapositiva.it/page.php?id_art=9648&id_cat=8&id_sottocat1&id_sottocat2&t=da-giugno-un-codice-identificativo-per-pubblicizzare-le-case-vacanza&fbclid=IwAR21atkgV16h96xZXVCaHXZ-o98dCQ09PrDg0w065HXAZMmxc1fpUJue8kg

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna indietro