COMUNICATO:“Progetto Route 96 La Murgia dell’Uomo - Dall’Uomo di Altamura all’uomo rupestre fino al cittadino globale”.

20 febbraio 2019

“Progetto Route 96 La Murgia dell’Uomo - Dall’Uomo di Altamura all’uomo rupestre fino al cittadino globale”.

Confesercenti Terra di Bari ha preso parte il 30 gennaio scorso all’incontrotra i partner pubblici e privati che hanno aderito al “Progetto Route 96” per favorire l'integrazione di un "parco diffuso sulla civiltà dell'uomo" con il fine di valorizzare i diversi patrimoni materiali, immateriali, naturali e paesaggistici dell’area murgiana.

       La nostra associazione intende ringraziare, in primo luogo, il suo ex Direttore, Nicola Caggiano, che intuendo le potenzialità e le opportunità di crescita che il Progetto Route 96 poteva apportare alla nostra economia, ha contribuito prontamente all’adesione della nostra Confederazione con il versamento della quota partecipativa già in fase di costituzione del partenariato. E allo stesso modo intendiamo ringraziare il Comune Di Altamura - Ente Capofila del Progetto - per aver promosso il citato incontro e tutti gli altri partner istituzionali e privati che vi hanno preso parte.

Il Progetto, finanziato con i fondi del MIBAC, è entrato nella fase di definizione delle  strategie operative attraverso tre assi progettuali che consentiranno di ottenere e gestire risorse economiche per la valorizzazione dei beni ambientali, naturali e culturali che insistono nei territori dei 6 Comuni partner: Altamura, Bitonto, Toritto, Palo del Colle, Santeramo in Colle, Gravina in Puglia.

All’incontro hanno preso parte, altresì, la Fondazione Fitzcarraldo ed  il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, con cui si è definito l’avvio di una nuova fase di confronto fra tutti gli stakeholders: quella di rilanciare un sistema di aggregazione più larga, che coinvolga tutti i Comuni abbracciati dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia sulla base di una vision fondata sulla cooperazione istituzionale ed operativa, consapevoli che nella sfida della globalizzazione sia necessario far parlare i territori e le comunità di cui sono attori e non le singole realtà urbane.

Si è inoltre stabilito di dare avvio ad un “Accordo di Programma Integrato del Territorio” che, attraverso la regia unitaria del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, conduca i Comuni Partner verso una ben più ampia strategia di valorizzazione delle future risorse. Uno strumento, quindi, più idoneo per la realizzazione degli obiettivi comuni attraverso il sostegno di fondi regionali, nazionali e comunitari di volta in volta disponibili.

Confesercenti Terra di Bari, confermando il proprio interesse nel “Progetto Route 96”, manifesta la propria volontà di collaborare attivamente affinché siano coinvolti gli altri comuni appartenenti all’area del Parco Nazionale dell’Alta Murgia – area di interesse della Confederazione, anche per altre sue attività istituzionali – e si avvii con essi un percorso di valorizzazione e sviluppo delle imprese del turismo, del commercio e dei servizi. A tal fine si farà loro portavoce e rappresentante in questa nuova fase di definizione condivisa delle politiche pubbliche e degli interventi privati necessari per sostenerne la crescita, l’occupazione e lo sviluppo.

Considera, a tal proposito, che la sinergia pubblico/privato possa essere l’unico metodo di lavoro in grado di dare rilevanza e spessore ad una visione condivisa del territorio e delle comunità, partendo proprio dall’idea di valorizzare le identità e specificità culturali delle imprese dei territori coinvolto dal Progetto, che rappresentano filiere importanti della produzione sia di beni materiali che di beni immateriali.

Ringraziamo, infine, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia per aver espresso la volontà di assumere un importante ruolo di coordinamento e di governo dello sviluppo del territorio, e tutte le amministrazioni coinvolte che hanno accolto favorevolmente la proposta del partenariato.

Torna indietro