CONTRABBANDO SIGARETTE: SEMBRAVA UN FENOMENO ESTINTO E INVECE E' ANCORA IN GRAN FERMENTO.

14 giugno 2017

Una recente indagine ha messo in evidenza che il fenomeno è tutt'altro che estinto. In tutta Italia. Tra le città indagate vi è anche Bari dove la vendita illegale si pratica nei circoli privati, sale gioco e a domicilio.
Carmela Formicola, caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno (25.05.2017) pubblica un Dossier in cui, richiamando alla memoria il fenomeno in voga il secolo scorso con i banchetti agli angoli delle strade e ricordando la difficile lotta ai contrabbandieri professionisti operata dalle forze dell'ordine nel mare Adriatico e conclusasi con l'Operazione Primavera che smantellò le organizzazioni dedite a tale attività, delinea una vera e propria "mappa" del mercato illegale delle "bionde" nella città di Bari. Ma Bari e il suo porto, fungono da snodo nazionale e internazionale di tale mercato clandestino, nascosti nei sottofondi dei tir che sfuggono spesso ai controlli doganali, e i suoi "manager" e la manovalanza sono per lo più stranieri.
La vendita al dettaglio avviene presso i circoli ricreativi che abbondano in città e in tutti i comuni della provincia, dove è fiorente anche il commercio di bevande alcoliche (birra in prevalenza) e gioco anche d'azzardo. Ci sono poi gli ambulanti delle "bionde" che, presso gli appartamenti privati e nelle strade,circolano col borsone a tracolla, proponendo la vendita al minuto ad un prezzo medio che si aggira sui 3 euro a pezzo. La valente giornalista constata che "l'opinione pubblica, e le stesse istituzioni, non hanno la percezione del business. Perchè per lo più invisibile."
Confesercenti Terra di Bari, invece, ritiene che il fenomeno vada monitorato, controllato e fermato con ogni mezzo, anche perchè è parallelo al traffico di droga che segue le stesse vie e mezzi per giungere in Italia e in Europa. E' infatti l'ASSOTABACCAI-Confesercenti che rileva direttamente la ripresa del fenomeno e lo denuncia. In una lettera inviata al Prefetto di Bari, l'Assotabaccai chiede quali misure sono messe in atto per monitorare e contrastare la ripresa del contrabbando delle sigarette nella città di Bari. Attendiamo risposte.

Torna indietro