Norme da rispettare nell'attività

 

Norme da rispettare nello svolgimento dell'attività :

(clicca le voci per espanderle)

Cartello degli orari

La legge vigente obbliga i commercianti e i pubblici esercizi a tenere esposto in modo visibile dall'esterno il cartello dell'orario osservato, con indicazione del giorno di chiusura.

Si ricorda che pesanti sanzioni sono state previste per chi viola tali norme.

Obbligo esposizione prezzi

Per la vendita al minuto tutte le merci esposte devono avere indicato in modo chiaro e ben visibile il prezzo di vendita. Questo obbligo è valido anche per gli operatori ambulanti.

Per gli esercizi d'arte ed antiquariato nonché di oreficeria può ritenersi rispettato l'obbligo della pubblicità del prezzo anche tramite l'utilizzo sul singolo prodotto di un cartellino visibile all'interno dell'esercizio e non all'esterno.

I Pubblici Esercizi (Bar - Ristoranti ecc.) per i prodotti destinati alla somministrazione , l'obbligo di esposizione dei prezzi è assolto: 

• BAR: per quanto concerne le bevande e gli alimenti , mediante esposizione, all'interno dell'esercizio, di apposita “Listino Prezzi”; tale Listino può essere ritirato dagli associati presso le nostre sedi; 

• RISTORANTI: per l'attività di ristorazione vige l’obbligo di esposizione del MENU' con prezzi anche all'esterno dell'esercizio o comunque leggibile dall'esterno. 

Per chi effettua il servizio al tavolo è obbligatorio presentare ai clienti il listino/menù che indichi i prezzi praticati con evidenziata la componente di maggiorazione per il servizio.

Occupazione suolo pubblico

Chi espone merci all'esterno del proprio esercizio o tavoli e sedie per i pubblici esercizi deve essere autorizzato dal Comune e versare la TOSAP corrispondente alla superficie occupata.

Ex Libretti Sanitari

Tutti gli addetti alla vendita, produzione e somministrazione di prodotti alimentari devono tenere presso l'esercizio l’Attestato di partecipazione al Corso di formazione per alimentaristi, della durata di quattro anni, rilasciato dalla nostra Associazione.

Tombole e lotterie

E' vietata ogni tipo di lotteria , tombola, riffa e pesca o banco di beneficienza, nonché ogni altra manifestazione avente analoghe caratteristiche, per cui devono intendersi vietate anche quelle iniziative effettuate presso gli esercizi commerciali e pubbilci che consistono nel mettere in palio cesti natalizi, confezioni regalo ecc.,abbinando la vincita all'estrazione dei numeri del lotto.

Si ricorda che dal 12 Aprile 2002 il D.P.R 430 del 26\10\01 ha trasferito ai Comuni la competenza in materia di manifestazioni e sorti locali. Il rispetto della normativa è soggetta a controlli nelle attività. Le uniche eccezioni previste riguardano lotterie, tombole, pesche o banchi di beneficenza promosse da Enti morali, associazioni o comitati senza fini di lucro, aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi.

Audizioni musicali

Per poter dare audizioni musicali nei pubblici esercizi occorre la licenza rilasciata dal Comune.

Imposta sulle insegne e pubblicità

Coloro che intendono installare  insegne pubblicitarie, devono fare denuncia agli uffici comunali competenti. Sono esonerate dal pagamento dell'imposta le insegne di superficie complessiva fino a 5 mq. Nel caso in cui l'insegna superi il limite di cui sopra, sarà obbligatorio versare l'importo dovuto per l'intera superficie. L'esenzione si rende applicabile ai soli mezzi pubblicitari che possono definirsi “insegna di esercizio” e alle scritte contenenti l'indicazione: del nome del soggetto o della denominazione dell'impresa che svolge l'attività, della tipologia dell'attività esercitata e del marchio del prodotto commercializzato e del servizio offerto, realizzata nella sede dell'attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa e anche nelle eventuali sedi secondarie. La scritta deve avere la funzione di indicare al pubblico il luogo di svolgimento dell'attività. In caso di pluralità di insegne l'esenzione è riconosciuta per la superficie complessiva non superiore a cinque metri quadrati.

Tariffa rifiuti

Le variazioni per modificazioni delle superfici dei locali e aree scoperte o modificazioni delle destinazioni d'uso dei locali ed aree scoperte devono essere comunicate al Comune entro il termine di 60 giorni dal verificarsi delle stesse.

Saldi di fine stagione

I saldi di fine stagione sono autorizzati nella Regione Puglia nel seguente modo:

saldi invernali: a partire dal primo sabato del mese di gennaio e sino a  28 febbraio;

saldi estivi: a partire dal primo sabato del mese di luglio e fino al 15 settembre. 

L'esercente che intenda effettuare una vendita di fine stagione o saldo deve darne comunicazione al Comune, almeno cinque giorni prima.

Vendite promozionali

Le vendite promozionali non possono essere effettuate in qualunque periodo dell’anno.

La durata massima della vendita promozionale non potrà superare i trenta giorni e non potrà, altresì, interessare articoli oggetto dell'immediata precedente vendita promozionale.

L'esercente è tenuto a darne preventiva comunicazione al Comune almeno cinque giorni prima dell'inizio della vendita.

Commercio elettronico

L'attività di commercio mediante mezzi elettronici, svolto nei confronti dei consumatori finali, è soggetta alla disciplina dell'art. 18 del Dlgs 114/98, pertanto l'attività deve essere comunicata al Comune competente con apposita modulistica. 

Pesi e misure: obbligo della verifica periodica

La verificazione periodica delle bilance viene effettuata su richiesta degli utenti presso l'Ufficio Metrico della Camera di Commercio per appuntamento o a domicilio. Per la verifica a domicilio la Camera di Commercio si avvale di aziende convenzionate a cui bisogna effettuare il versamento della tariffa corrispondente. 

L'utente deve richiedere una nuova verifica qualora provveda alla modifica o riparazione dei propri strumenti, che comporti la rimozione di etichette o di ogni altro sigillo di garanzia. Gli utenti devono garantire il corretto funzionamento dei loro strumenti, conservando ogni documento ad essi connessi, mantenere l'integrità dell'etichetta di verificazione periodica nonché ogni altro marchio e sigillo di garanzia. Non vanno utilizzati strumenti non conformi o difettosi.

 

Per ulteriori informazioni scrivici a info@confesercentibari.it

 

 

 

Torna su